Brian Ord ha studiato scultura alla scuola d’arte di Chelsea. Vanta già molte esposizioni nel Regno Unito e in tutto il mondo. Nella sua opera si appropria di un'ampia varietà di fonti a stampa che unisce in spazi contraddittori creando luoghi irreali. Il suo lavoro discute il modo in cui viviamo, come i mass media e il progresso nelle tecnologie ci permettano di costruire una vita partendo da cose che possiamo non aver mai toccato nella realtà.

I suoi dipinti vanno letti come un tentativo di rifoderare il vecchio nel nuovo (la compilazione di più immagini per creare una impossibile). Creando scenari patchwork il suo lavoro critica le verità pre-fabbricate. Dopo aver fotografato e stampato in digitale i suoi collage, li rielabora su tela, utilizzando resine e olio.

Il contrasto tra fotografia, collage e pittura/stampa crea una dinamica interessante che realizza una ri-contestualizzazione dell'immagine.

#architettura #fotografia #collage

Inside Out

Cubist Condo

A House is not a Home

Urban Sprawl - selezionata per la sezione pittura 2016 del premio internazionale di arte contemporanea Marchionni

Sweet Dreams of Contentment

Ship Shape

Pot-Pourri: Arte Contemporanea