Continua il racconto del rapporto tra musica e arti visive. Stavolta protagonista è la fotografia, che per la musica ha realizzato bellissime cover, divenute nel tempo autentici oggetti di culto.

La copertina più celebre della musica pop, quella di Abbey Road - il disco dei Beatles del 1969 - è firmata dal fotografo irlandese Iain MacMillan. Ritrae i quattro baronetti di Liverpool che attraversano, in fila indiana, il passaggio pedonale della strada londinese sede degli Abbey Road Studios, nei quali i Beatles incidono per l'intera carriera.

Robert Frank segue a lungo i Rolling Stones, fotografandoli e filmandoli. Farà poi un documentario del loro tour attraverso il Nord America nel 1972 (Cocksucker Blues) a supporto dell’album Exile on Main St., uscito in quello stesso anno. La copertina del disco non rappresenta la band: Robert Frank scatta l’immagine nel 1951 in un tattoo parlour di Long Island.

Sono di Robert Mapplethorpe gli scatti delle iconiche cover di Horses e Wave di Patti Smith (rispettivamente del ‘75 e del ‘79). Nel 1980 ritrae il perfetto fondoschiena del ballerino classico Peter Reed, morto nel 1986. Sua anche la fotografia scelta dalla band newyorkese Scissor Sisters per la copertina del loro terzo album, Night Work, pubblicato nel 2010.

William Klein firma i dischi del cantautore francese Serge Gainsbourg, tra cui Love on the Beat, pubblicato nel 1984; Jean-Paul Goude quelli di Grace Jones (tra cui l’album Slave to the Rhythm e la raccolta Island Life, entrambi del 1985), sua compagna dalla fine degli anni ‘70.
Molti lavori di William Eggleston vengono usati da altrettanti gruppi e musicisti, soprattutto rock: Big Star, Green on Red, Chuck Prophet e Gimmer Nicholson, tra gli altri.

Sono tante le immagini d’autore che “vestono” celebri successi del pop-rock anni Settanta, Ottanta e Novanta, ma nel 1986 Irvin Penn immortala gli intensi primi piani di Miles Davis, re del cool jazz per la copertina di Tutu - suo disco controverso e sperimentale.

Nel 1990 Luigi Ghirri realizza la copertina dell'album Epica Etica Etnica Pathos dei CCCP, gruppo musicale punk rock italiano e nel 2001 Roe Ethridge fotografa il carismatico cantautore americano Andrew W.K. per I Get Wet, con una colata di sangue dal naso che ha fatto discutere parecchio per il supposto riferimento all’abuso di cocaina.

Ognuna con la propria storia, le copertine rappresentano l’emblema visivo della storia della musica.

#musica #fotografia #coverArt

William Klein - Love on the Beat, 1984 di Serge Gainsbourg

Luigi Ghirri - Epica Etica Etnica Pathos, 1990 dei CCCP

Robert Frank - Exile on Main Street, 1972 dei Rolling Stones

William Eggleston - Soul Serenade, 2003 di The Derek Trucks Band

Robert Mapplethorpe - Wave, 1979 di Patti Smith

Roe Ethridge – I Get Wet, 2001 di Andrew W.K.

Pot-Pourri: Fotografia