La fotografia è fatta essenzialmente di tempo. Penso spesso che ciò che mostriamo è un punto nel tempo, più che una finestra sullo spazio”.

Ai Musei Reali di Torino (Sale Chiablese) fino al 20 maggio 2018 la prima mostra antologica in Italia dedicata a Frank Horvat.

Fine indagatore dei rapporti tra fotografia e arte, Frank Horvat (classe 1928) presenta oltre duecento scatti della sua complessa, ampia e trasversale opera.

Sguardo libero e di ampie vedute, la sensibilità artistica di Frank Horvat spazia dal fotogiornalismo in giro per il mondo ai ritratti in studio: scatti di reportage sociale e di guerra (anche per l’Agenzia Magnum), paesaggistica, street photography, arte e moda. Elle, Vogue e Harper’s Bazaar sono tra le riviste che fin dagli anni ‘50 riconoscono e apprezzano il suo approccio innovativo alla fotografia di moda.

Dal dopoguerra ad oggi: settant’anni di storia raccontati attraverso quindici chiavi di lettura individuate dallo stesso artista per cercare un “denominatore comune” al suo lavoro eclettico. Chiavi interpretative che diventano altrettanti possibili percorsi espositivi. Tra le altre: Condizione umana, Tempo sospeso, Voyeur e Metafore. Ci sono anche le Dumb Photos, gli scatti “leggeri” e bizzarri che mettono in risalto il suo spiccato humor visivo.

Oltre alle sue opere, l’esposizione include decine di immagini della sua collezione privata; scatti di altri grandi maestri con cui Horvat ha instaurato un profondo dialogo nell’arco della sua decennale carriera: André Kertesz, Henri Cartier-Bresson, Robert Doisneau, Mario Giacomelli, Helmut Newton, Irving Penn, Brassai, Elliott Erwitt, Sebastiao Salgado e tanti altri.

“Ho collezionato le immagini che mi hanno colpito perché mi hanno insegnato qualcosa che non sapevo e mi hanno fatto sentire meno solo. In altre parole: ognuna di queste fotografie è un miracolo”: è così che alla presentazione della mostra, Horvat presenta le opere di altri autori, considerate “ottime domande” o “coraggiosi tentativi di risposta” nel corso della sua continua ricerca fotografica.

#fotografia

Autoritratto al Brick Lane Market, 1955

Serie New York Up & Down, 1980

Mate and Jaguar - South Kensington, Londra, 1955

New York, Central Park, for Glamour, 1958

Plastic Lovers - Los Angeles, 1963

Deserto del Neghev, Israele, 1954

Pot-Pourri: Agenda Mostre