Un atto di amore verso la Terra e un monito per gli uomini: “Genesi” è il progetto fotografico che Sebastião Salgado dedica a quel che resta della natura incontaminata dal tocco umano: scorci di terre dove uomini, animali e cose ancora convivono in armonia.

Fino al 28 Gennaio 2018, al PAN Palazzo delle Arti di Napoli – duecento immagini, frutto di un viaggio in giro per il mondo, iniziato nel 2003 e durato dieci anni.

Un piccolo confronto con le origini del pianeta che ci ospita: come se il fotoreporter brasiliano documentasse il mondo com’era.

“Prima di realizzare Genesi, avevo fotografato solo una specie, gli esseri umani”.

Con questo reportage Salgado va oltre: immortala meravigliosi paesaggi naturali con le loro creature animali e popoli primitivi che niente hanno a che vedere col pezzo di mondo urbanizzato e snaturato, maltrattato da secoli - e che, a suo dire, è “circa la metà”.

Salgado sceglie per i suoi scatti - rigorosamente in bianco e nero - gli angoli naturali più remoti della Terra: le foreste tropicali dell’Amazzonia, del Congo, dell’Indonesia e della Nuova Guinea, i ghiacciai dell’Antartide, i deserti americani e africani, le catene montuose cilene e siberiane: in alcuni di questi luoghi ha vissuto a lungo, integrandosi con tribù locali e immortalando specie animali di rara bellezza: le tartarughe giganti delle Galápagos, le balene della Patagonia, le zebre del Kenya...

“Assistiamo, da venti anni a questa parte, a un grande risveglio della consapevolezza e della coscienza ambientalista. Spero che Genesi rappresenti un contributo a sviluppare questa consapevolezza”.

Fin dal 1973 - quando fu premiato per un magnifico servizio sulla siccità nel Sahel - Sebastião Salgado denuncia i disastri ambientali frutto dell’azione umana.
I suoi scatti sono stati pubblicati su importanti giornali e riviste in tutto il mondo ed esposte in grandi musei internazionali. Ha anche scritto numerosi libri tradotti in diverse lingue e che gli sono valsi premi e riconoscimenti.

#fotografia #BlackandWhite #green

Galápagos, 2004

Isole Sandwich, 2009

Brasile, Foresta Amazzonica -  Donne della tribù Zo'e, 2009

Sahara - Algeria, 2009

Kafue National Park, Zambia, 2010

Penisola di Yamal, Siberia, 2011

Pot-Pourri: Agenda Mostre