Il collettivo artistico SBAGLIATO nasce dall’idea e dalla collaborazione di architetti e artisti romani che condividono “il desiderio di generare un’interferenza nel monotono flusso di informazioni a cui è sottoposto quotidianamente l’individuo... si vogliono provocare in lui sensazioni di arricchimento ma anche di disorientamento che lo portino a interrogarsi su quanto possa essere apparente e paradossale la realtà in cui vive”.

Porte, finestre, scalinate, cancelli spalancati e pareti di specchi su muri ciechi e pareti di roccia: elementi architettonici che non si possono toccare né attraversare; varchi inattesi - e addirittura una metro in movimento a Pizzo Calabro - per sfidare la comprensione dell’osservatore, ingannarlo sulla tridimensionalità di ciò che ha di fronte.

Il collettivo usa i poster per creare un particolare effetto visivo che ricorda la tecnica del trompe l’oeil: “Il poster diventa il mezzo di comunicazione ideale, proprio perché suggestivo, effimero e civile, lasciando comunque all’individuo la libertà di rimuoverlo, nel caso in cui lo ritengaSBAGLIATO”.
Le opere così realizzate - “in una sinergia tra architettura, grafica e fotografia” - sono ben integrate nel contesto urbano, rispettano la natura, i monumenti e gli edifici.

Il progetto artistico SBAGLIATO nasce nel 2011 per stravolgere la percezione dello spazio, sconvolgere le leggi della prospettiva e fare esperienza del vuoto attraverso qualcosa al di fuori dei normali canali di comunicazione.
“L’osservatore non deve essere necessariamente o completamente cosciente della nuova sensazione che percepisce”: il risultato deve essere disturbante e inquietante per far intuire l’esistenza di mondi nascosti in profondità.

“Il dialogo con la città ha funzione centrale. Partendo dalla città, SBAGLIATO vuole esportare alcuni elementi propri di Roma fuori dalla città, anche all’estero, e al tempo stesso innescare un processo inverso, con l’integrazione di dati architettonici provenienti da altre culture”.
Bersaglio centrato: partendo da Roma il collettivo artistico ha realizzato interventi di street art in tante città italiane - Venezia, Lodi, Parma, Bologna, Grosseto, Forlì, Ascoli, Catanzaro, Bari, Catania, tra le altre - e in giro per il mondo - Londra, Berlino, Amsterdam, Bruxelles, Las Vegas e Miami.

#streetart #effimerismo #architettura

Installazione del Collettivo Artistico SBAGLIATO

Installazione del Collettivo Artistico SBAGLIATO

Installazione del Collettivo Artistico SBAGLIATO

Installazione del Collettivo Artistico SBAGLIATO

Installazione del Collettivo Artistico SBAGLIATO

Installazione del Collettivo Artistico SBAGLIATO

Pot-Pourri: Urban Art