Childhood in the Row” è il progetto della fotografa neozelandese Niki Boon che vuole celebrarela magia dell’infanzia vissuta a contatto con la terra”.

Prima di dedicarsi alla fotografia, Niki Boon lavorava come fisioterapista pediatrica in Scozia. Cresciuta in una fattoria, sceglie di regalare lo stesso stile di vita all'aria aperta ai suoi quattro figli. Allora torna in Nuova Zelanda e decide di trasformare in mestiere la sua grande passione per la fotografia.

Decide soprattutto uno stile di vita anticonvenzionale per i suoi figli: crescerli lontano dalla tecnologia, wild and free. Niente tv, videogiochi, tablet... nessun dispositivo elettronico.

“Childhood in the Row” ha fatto il giro del mondo. La serie di scatti immortala i quattro ragazzi liberi di scorrazzare nella natura e di inventare nuovi modi per divertirsi.

Lontani dai ritmi frenetici della metropoli, a contatto con gli animali e con la terra - Niki Boon ne è convinta - sono particolarmente stimolati, fantasiosi, uniti e profondamente creativi: una scelta in controtendenza con il mondo intero che li rende felici!

Immersi nella natura: mani sporche di fango, tuta da ginnastica (quando son vestiti!), stivali di gomma, uova di gallina e bambole di pezza sono i componenti della loro vita.

E’ fondamentale, secondo Niki Boon, non perdere mai di vista il modo in cui la natura ci ricorda che “siamo solo dei minuscoli ingranaggi che fanno parte di qualcosa di molto più grande”. E come darle torto!

#fotografia #rebels

Niki Boon Photography - serie Childhood in the Row

Niki Boon Photography - serie Childhood in the Row

Niki Boon Photography - serie Childhood in the Row

Niki Boon Photography - serie Childhood in the Row

Niki Boon Photography - serie Childhood in the Row

Niki Boon Photography - serie Childhood in the Row

Pot-Pourri: Fotografia