C'è qualcosa di pagano in me da cui non posso liberarmi.
In breve, non nego nulla, ma dubito di tutto.
George Byron

Trinity College - Cambridge, anno 1964

La facoltà vorrebbe che io vi insegnassi che sono stati Wordsworth, Keats e Coleridge, nello scrivere dell’amore, a definire il romanticismo. E mi hanno detto anche di ignorare Byron, pazzo, cattivo e pericoloso da conoscere. Così lo definì uno dei tanti amanti della sua poesia. Era un tipo controverso.

Sapevate che questo stimato Istituto disse a Byron che non poteva portare qui il suo amato cagnolino. Così lui pensò: al diavolo le regole! Uscì e andò a comprare un orso. Lo portava a lezione al guinzaglio e lo legava a quel tubo, proprio lì.

Quindi, vedete, fu Byron a definire l’età romantica, che non era incentrata sull’amore, ma sulla capacità di andare per la propria strada, di sfidare l’autorità e di ascoltare il cuore… Non siate delle schiappe e non fatevelo mettere in quel posto! E’ questo il romanticismo!

E se alla Facoltà non piace che parli così, può prendersi questo lavoro e andarsene a quel paese. Perché come dice Bob Dylan; amico svegliati, i tempi stanno cambiando!

Lezione tratta dal film Some Kind of Beautiful di Tom Vaughan

#ChiccadellaRedazione #poesia #cinema #rebels

Bob Dylan with Muhammad Ali - ph by Ken Regan

Keep out the dogs - ph by Oliver Rath 

Paris Riots, May 6th, 1968 - ph by Bruno Barbey

All we need is... - illustrazione di Katarzyna Orońska

Books & Light - ph by Michal Zahornacky

 Freedom - dipinto di Dima Dmitriev

 

Pot-Pourri: Irregolari