L'artista coreano Jungho Lee ci ricorda che leggere un libro è la migliore avventura che ci si possa concedere.

Graphic designer di stanza a Seoul, Jungho Lee con le sue illustrazioni potenti e sognanti mira a catturare la sensazione di immergersi e perdersi completamente in un libro.

In una, un gigantesco tomo, più grande di qualsiasi balena o Kraken, emerge dall'oceano dondolando su una barca vicina; in un altra, un cespuglio di calle gira all’interno di un libro annullando il divario tra realtà e finzione. I colori delle immagini richiamano la tavolozza morbida e bluastra di Magritte.

Lee realizza le sue illustrazioni con carboncino e acquerelli prima di scansionarli e stratificarli digitalmente per raggiungere l'effetto illusorio desiderato.

“Gli aspetti impliciti e minimi delle illustrazioni sono molto importanti - sostiene Jungho - aiutano lo spettatore a immaginare e a conferire significati liberamente”.

Il che, non a caso, è anche l'obiettivo della scrittura e della lettura.

Il libro è il mezzo più intimo e antico per far crescere un mondo spirituale personale. Con la sua struttura semplice fatta di carta e inchiostro viviamo un'esperienza che trascende il tempo e lo spazio.

Gli stravaganti disegni di Jungho Lee piaceranno senz’altro ai bibliofili perchè incorporano la bellezza dei libri negli ambienti quotidiani, creando scene pensose e oniriche. Una porta aperta, un lago pieno di stelle, una fetta di torta o l’ala di un aeroplano: i libri assumono nuove forme nei pezzi di Lee.

#illustrazione #BookArt

Ark

Enchanted

Immortal

Fall

Sabbath Morning

Room of Philisophy

 

Pot-Pourri: Arte Contemporanea