Artista parigino classe 1976, Ludo coi suoi murales mette a confronto due universi, quello della natura e quello della tecnologia.
Più che un confronto, i lavori di Ludo raccontano una Guerra ancora in corso, nella quale l’uomo si rifiuta di riconoscere la pericolosità delle strade da lui perseguite, ma soprattutto si ostina a trascurare l’importanza del rispetto della natura.

Il verde è il colore preferito di Ludo; mai vi unisce altri colori oltre al bianco e al nero.
Le sue creature ibride (eleganti e feroci allo stesso tempo) sono il prodotto di una natura molestata e stanca.

Il consumismo e il mondo dell’industria, nonostante ripetuti disastri naturali, continuano a fornire elementi artificiali e dannosi con un impatto ormai insostenibile per la natura.
E allora la natura si vendica e ai metodi poco “ecologici” utilizzati dall’uomo risponde con bizzarre anomalie: teschi umani al posto di acini a formare grappoli d'uva o ciliegie, cactus che si trasformano in siringhe, limoni in droni e cocchi in granate.

E’ ben chiaro il messaggio di Ludo: nella ricerca della Modernità ad ogni costo, l’uomo non dovrebbe mai anteporre l’universo tecnologico a quello naturale.

#streetart #rebels #asocial #green

Piña Colada

Screaming Flower

Coco Granade

Syringe Needle Cactus

Grape Skulls

Green Hot Chili Peppers

Pot-Pourri: Urban Art