Pot-Pourri è il contenitore di Terzo Incomodo, non il più importante ma, contando su pubblicazioni frequenti, di certo il più copioso. In esso trovano spazio diverse sezioni che sono in qualche modo specchio degli interessi culturali della redazione. Agenda Mostre, Arte Contemporanea, Decima Musa, Fotografia, Irregolari, Napolismi e Urban Art sono i titoli delle sezioni che animano il Pot-Pourri.

Corpo e tabù nella pittura di Julia Faber

I dipinti di Julia Faber (Vienna, 1984) trasportano in un mondo grottesco e surreale. Riferimenti alla mitologia o altri riferimenti storici si mescolano al presente per creare qualcosa senza tempo.Il suo lavoro si caratterizza per la combinazione di pittura iperrealistica e disegni ad inchiostro. L'artista austriaca si occupa di diversi argomenti come la discipli...

Leggi l'articolo completo

Quando il mare ispira: le illustrazioni primordiali di Elizabeth Builes

Questo è ciò che l'acqua può portare. L'acqua è l'inizio di tutto.È il primo nutrimento. È il sangue della terra.Ryszard Kapuściński, ImperiumElizabeth Builes (Medellin, 1987) è un'illustratrice colombiana che si esibisce con successo nell'illustrazione editoriale e scientifica e che spesso si...

Leggi l'articolo completo

Il lato oscuro delle cose: la pittura di Enrico Robusti

“L’artista non deve cercare risposte al senso della realtà:al contrario, deve rendere ambigua una cosa che sembra semplice, e viceversa”.Ansie, lo spaesamento culturale, la sensazione di stare a guardare Il tramonto dell'Occidente: i quadri di Enrico Robusti (Parma, 1956) vogliono rappresentare la voce di...

Leggi l'articolo completo

La dialettica del sonno secondo il gatto

Malgrado tante scoperte della psicologia, non apprezziamo abbastanza il sonno: lo giudichiamo soltanto come un'indispensabile condizione di passaggio, dalla quale dobbiamo risvegliarci. Non comprendiamo quei mari di freschezza, quelle discese nella vita vegetale, quella passeggiata rassicurante nell'oscuro che ci avvolge e ci protegge, né il rie...

Leggi l'articolo completo

Speedy Graphito e la parata delle icone pop

Olivier Rizzo, alias Speedy Graphito, è un pittore parigino classe 1961. È considerato uno dei pionieri della street art francese insieme a Jérôme Mesnager, Miss Tic e Blek le Rat. Imponendo uno stile potente e innovativo nei primi anni '80, Speedy Graphito ha influenzato un’intera generazione di artisti urban. Sebbene il suo lavoro si sia evoluto considerevolmente...

Leggi l'articolo completo

Le Avanguardie Italiane: Mario Schifano

Mario Schifano (1934-1998), uno degli artisti post-bellici più significativi e radicali del panorama artistico italiano, è una figura radicale che considera la pittura come la frontiera delle avanguardie, una forma d'arte capace di misurare il battito della cultura contemporanea. Il suo prodigioso talento, seppur oscurato da un carattere particol...

Leggi l'articolo completo

Frank Horvat - Storia di un fotografo

“La fotografia è fatta essenzialmente di tempo. Penso spesso che ciò che mostriamo è un punto nel tempo, più che una finestra sullo spazio”.Ai Musei Reali di Torino (Sale Chiablese) fino al 20 maggio 2018 la prima mostra antologica in Italia dedicata a Frank Horvat.

Leggi l'articolo completo

Addomesticati e Bolliti - il Potere dei Mezzi di Comunicazione

Immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota tranquillamente una rana.Il fuoco è acceso sotto la pentola, l’acqua si riscalda pian piano. Presto diventa tiepida. La rana la trova piuttosto gradevole e continua a nuotare.La temperatura sale. Adesso l’acqua è ca...

Leggi l'articolo completo

I collage black & white di Mora Kirchner

Una differenza molto importante tra il colore e la fotografia monocromatica è questa:in bianco e nero suggerisci; a colore affermi.(Paul Outerbridge)Mora Kirchner è nata a La Cumbre, in Argentina.All'età di 15 anni ha scattato la sua prima foto, un autoritratto: “è stato come fare per la prima volta un res...

Leggi l'articolo completo

La pedalata interiore

'A vita è 'n'affacciata 'e fenesta.In origine la filosofia non era tanto un modo di pensare per conoscere, quanto un modo di vivere per essere felici. Era una prassi quotidiana, non un lavoro di cervello. Era qualcosa di molto più affine allo yoga che alla logica.Dice Pierre Hadot nei ...

Leggi l'articolo completo