Una volta un tale che doveva fare una ricerca
andava in biblioteca, trovava dieci titoli sull'argomento e li leggeva;
oggi schiaccia un bottone del suo computer,
riceve una bibliografia di diecimila titoli e rinuncia. Umberto Eco

 

Andrei Lacatusu, un digital artist di Bucarest, ha creato una serie dal nome “Social Decay”.

Le immagini prefigurano un mondo post-social fatiscente: i loghi dei famosi social media usati quotidianamente vengono reinterpretati sotto forma di insegne al neon arrugginite e abbandonate, a simboleggiare la caduta di questi giganti di Internet.

In un mondo dominato dai social media, cosa succederebbe se la società decidesse di disconnettersi?

Mondo e relazioni, come sarebbero se le ossessioni di oggi si estinguessero?

I titani della tecnologia cadrebbero letteralmente a pezzi come fossero vecchi tendoni sulla Ruote 66?

Il grafico autodidatta romeno tenta di dare una risposta con un mix di adobe photoshop e programmi di rendering 3D.

Qualcosa di affascinante accade quando un logo luminoso e brillante viene visto fuori dal suo contesto; inizia ad avere una storia e a trasmettere una sensazione di vissuto. Naturalmente quello di Lacatusu è un esercizio creativo, ma il risultato è ironico e stimolante.

#manipolazione #asocial #creative

Social Decay by Andrei Lacatusu

Social Decay by Andrei Lacatusu

Social Decay by Andrei Lacatusu

Social Decay by Andrei Lacatusu

Social Decay by Andrei Lacatusu

Social Decay by Andrei Lacatusu

 

Pot-Pourri: Irregolari